Chiamaci ora! 00393920606062|info@bestnccroma.com
Il Rinascimento romano2018-09-04T10:08:06+00:00

Il rinascimento romano, bellezze a spasso con mezzi Ncc Roma

rinascimento romanoIl Rinascimento a Roma occupò un periodo che va dai secoli XVI al XVI sec., Periodo che ha generato padroni come Michelangelo e Raffaello, che hanno lasciato un segno indelebile all’arte figurativa occidentale. La città era stata un magnete per gli artisti che desideravano studiare le sue rovine classiche fin dagli inizi del 1400. Un interesse rivitalizzato nei classici ha portato al primo studio archeologico dei resti romani dell’architetto Brunelleschi e dello scultore Donatello. Questo ha ispirato un corrispondente classico in pittura e scultura, che si è manifestato nei dipinti di Masaccio e Uccello. Pisanello ed i suoi assistenti hanno inoltre spesso ispirazione dai resti antichi, ma il loro approccio è stato essenzialmente catalogato, acquisendo un repertorio di modelli da sfruttare in seguito. Nel 1420, papa Martin V trasferì il sedile papale a Roma, dopo la sua lunga “cattività babilonese” e dopo il grande scisma, quando diversi “papi” hanno simultaneamente rivendicato l’ufficio. Appena si mise a lavorare, stabilendo l’ordine e ripristinando le chiese, i palazzi, i ponti e le altre strutture pubbliche dilapidate. Per questa ricostruzione ha impegnato alcuni famosi maestri della scuola toscana, e così ha posto le basi per il Rinascimento romano. Usufruirai delle auto con autista Ncc Roma per girare autonomamente attraverso l’arte romana.

Martin V è nato a Genazzano nella Campagna di Roma nel 1368. Ha studiato presso l’Università di Perugia, divenuto apostolico presso la sede urbana VI, e sindaco pontificio e nunzio in varie corti italiane sotto Bonifacio IX. Il 12 giugno 1402 fu fatta cardinale Deacon di San Giorgio a Velabro. Al Concilio di Costanza, all’11 novembre 1417, fu eletto all’unanimità il papa e prese il nome di Martin V in onore del santo di Tours la cui festa cadde il giorno della sua elezione. Il re Sigismondo della Germania cercò di indurre Martin V a rimanere in Germania mentre la Francia gli chiedeva di venire a Avignone, ma, respingendo tutte le offerte, si trasferì a Roma il 16 maggio 1418. Dopo molte deviazioni, soprattutto per cementare i rapporti con la Regina Napoli, Bracco di Montone e altri, è arrivato il 28 settembre 1420.

I primi lavori ti verranno accuratamente spiegati da Ncc Roma

Il primo lavoro è iniziato sulla basilica di San Giovanni in Laterano che è stato gravemente danneggiato nel 1413. Nel 1421 la chiesa fu arricchita da un nuovo pavimento cosmatesco e il soffitto fu riparato, mentre Gentile da Fabriano ricevette una commissione per creare un nuovo ciclo di affreschi Nella navata destra. Questi sono stati completati da Pisanello dopo la sua morte nel 1427. La basilica ha anche ricevuto un nuovo monastero, assegnato ai Benedettini. Il pavimento della basilica e le colonne sono stati progettati come pezzi di firma della famiglia Colonna. Lasciati stupire da Ncc Roma.

Quando Cosimo fu esiliato da Firenze, Donatello tornò a Roma, rimanendo fino al 1433. Le due opere che testimoniano la sua presenza in questa città, la Tomba di Giovanni Crivelli a Santa Maria in Aracoeli e il Ciborio in Basilica di San Pietro, Timbro forte dell’influenza classica. Anche Brunelleschi è tornato più volte per trovare l’ispirazione per l’arte rinascimentale. Mentre a Firenze, Masaccio, primo grande pittore italiano del Quattrocento, si amicizia con Brunelleschi e Donatello e, al loro mandato nel 1423, si recò a Roma insieme al suo mentore Masolino. Da quel momento è stato liberato da tutta l’influenza gotica e bizantina, come si può vedere nella sua pala d’altare per la Chiesa carmelitana di Pisa. Le tracce di influenze dell’antica arte romana e greca che sono presenti in alcune opere di Masaccio devono anche essere originate da questo viaggio. Purtroppo, ogni ulteriore innovazione è stata ridotta dalla morte prematura di Masaccio all’età di 27 anni.

Fino ad arrivare a Leone X

Leone X era un amante e patrono delle arti e delle scienze, e probabilmente fece più di qualsiasi papa per stabilire Roma come centro della cultura europea. Ha avuto San Giovanni dei Fiorentini, in Via Giulia, costruito, dopo i disegni di Jacopo Sansovino e premette avanti la ricostruzione della Basilica di San Pietro e del Vaticano sotto Raffaello e Agostino Chigi. In particolare ha incoraggiato la pittura, e Raphael ha beneficiato enormemente sotto il suo patrocinio. “Tutto ciò che riguarda l’arte il papa si rivolge a Raffaello”, ha scritto un ambasciatore nel 1518. Ha terminato la decorazione delle Stanze iniziate sotto Giulio II, anche riferendosi a Leone X in alcune scene. Ha dipinto i cartoni per gli arazzi della Cappella Sistina, il più alto dei risultati di Raffaello, i più meravigliosi di essi sono “la pesca miracolosa di San Pietro” e “la predicazione di San Paolo a Atene”. Una terza impresa famosa era la decorazione della Loggia Vaticana fatta dagli alunni di Raffaello sotto la sua direzione, e soprattutto dai suoi disegni. Il più squisito dei suoi dipinti sono la meravigliosa Madonna Sistina e la “Trasfigurazione”.

La scultura non era favorita da Leo X come dipinto, e mentre Michelangelo lavorava su una facciata in marmo per la chiesa di San Lorenzo a Firenze, non l’aveva finito. Il compito più grande e più difficile fu la continuazione del nuovo San Pietro. Bramante rimase il suo architetto principale fino alla sua morte nel 1514. Raphael gli è riuscito, ma nei suoi sei anni di carica si è fatto poco, molto per il suo rammarico, per mancanza di mezzi. Leo X ha speso tutti i soldi attentamente salvati dal suo predecessore Giulio II. Ha venduto indulgenze per contribuire a pagare, un errore che ha portato alla riforma.